La moderna via Ostiense coincide, quasi del tutto, con il percorso dell' antica strada. Il nome dell'arteria trova la sua radice etimologica nel sostantivo "ostium", cioè "foce del fiume", ad indicare che la strada si dirigeva da Roma alla foce del Tevere, presso la quale si trovava l'insediamento di Ostia.
La via Ostiense, il cui tracciato costituiva un naturale prolungamento della via Salaria, fu iniziata nel IV sec. a.C. con lo scopo di ricollegare l'Urbe con le saline poste lungo la foce del Tevere. Il viaggio su questo itinerario comincia al varco della porta S.Paolo, all'interno della
quale si trova un piccolo ma importantissimo museo dedicato alla strada stessa. Subito fuori la porta è visibile la piramide Cestia, e più avanti si trova un'area sepolcrale utilizzata dal II secolo a.C. In prossimità di questo piccolo sepolcreto si erge maestosa la basilica di S. Paolo. Allontanandovi dalla grande città troverete ponti di epoca imperiale, aree preistoriche ed infine raggiungerete la vasta zona degli scavi di Ostia Antica, il castello di Giulio II e la chiesa di S. Aurea. Non lontano sulla costa si trova la moderna città di Ostia, una piccola metropoli a tutti gli effetti.
>>> approfondimento storico del Dott. Mario Ierardi
 
MAPPA TORNA ALLA MAPPA GENERALE ATTIVITA' SCRIVICI INFORMAZIONI

 Copyright © 1998/2007 - Paul Sassine - Design Development