Nella zona posta a S-E di Crustumerium si erge la torretta della Bufalotta. La torre Ë stata identificata con il casale di "Massa de Vestiario" che nel secolo XI rientrava nelle proprietà dell'abbazia di Farfa.

Crustumerium.

Nella zona del Parco della Marcigliana fu scoperto il sito di Crustumerium, una della città più antiche del Lazio protostorico. Ancora oggi le sue origini non sono del tutto chiare perché secondo Servio fu dedotta dal popolo dei Siculi, mentre altri sostennero che fu fondata da Alba Longa (Diodoro e Dioniso), dai Sabini (Plutarco) o dai Latini. Secondo la tradizione leggendaria, del poema virgiliano, Crustumerium rientrava tra le cinque città dedite alla costruzione delle armi che dovranno essere usate dalle popolazioni dell'Italia centrale per combattere Enea: "Sulle incudini cinque grandi città foggiano dardi, la forte Aténa, la superba Tivoli, Crustumerio, Ardea e la turrita Antemna." (Eneide,VII, 629-631).
Infine la città entrò in conflitto anche con Romolo e sembra che fu conquistata da questíultimo. Gli eventi successivi, storicamente più attendibili, ci attestano che la zona del Crustuminus Ager (Agro di Crustumerio) fu annessa nel 499 o nel 495 a.C. e ciò determinò che le tribù salirono a 17 o a 21 dopo la creazione della nuova tribù Clustumina. Gli scavi condotti negli anni Ottanta di questo secolo attestarono che i più antichi reperti di Crustumerium risalivano allíetà del bronzo e alla prima età del ferro. Presso questa città, inoltre, furono ritrovati dei vasi particolarmente interessanti per forma e tinte cromatiche. La presenza, infatti, di figure pittoriche dalle colorazioni rosse rappresenta un evento di particolare rarità. Alcuni di questi vasi recuperati dalle forze dell'ordine - dopo che erano stati illegalmente trafugati - sono stati esposti, unitamente ad altre opere, nella mostra che si é svolta a Castel SantíAngelo. Il Parco della Marcigliana é stata ascritto dal Comune di Roma come "Parco ad interesse provinciale".


 

 

 Copyright © 1998/2006 - Paul Sassine - Design Development